Unione della salute: evento ad alto livello sull’impatto della pandemia di COVID-19 sulla salute mentale

Questo articolo è già stato letto 125 volte

Diadmin

Mag 8, 2021

A più di un anno dall’inizio della pandemia di COVID-19, l’impatto sulla salute mentale è enorme e le conseguenze si avvertono in tutta la società. Per sottolineare il rilievo e la complessità di questa sfida e, in generale, l’importanza della salute mentale, il 10 maggio la Commissione europea organizza online un evento ad alto livello dal titolo “Salute mentale e pandemia: vivere, assistere, agire!”.

L’evento offrirà l’occasione di riunire oratori provenienti da diversi settori, di ascoltare le persone più colpite, compresi i giovani, le persone con problemi di salute mentale preesistenti e coloro che le assistono, come pure di condividere esempi e pratiche promettenti al fine di garantire che i sistemi sanitari siano ben attrezzati, ora e in futuro, e di tracciare la via da seguire.

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: “La salute mentale è per me un impegno a vita. Nel contenere la COVID-19 e costruire un’Unione europea della salute forte, è fondamentale fare il punto delle conseguenze della pandemia sulla salute mentale, riflettere insieme su ciò che sappiamo ed esaminare ciò che dobbiamo capire e fare meglio. È evidente che la salute mentale è importante, oggi più che mai, e siamo accanto ai paesi dell’UE, agli operatori sanitari e a tutti gli interessati per agire e affrontare una delle sfide più pressanti di oggi e dare voce a coloro che sono maggiormente colpiti da questa crisi sanitaria senza precedenti.

La Commissione sostiene le priorità sanitarie nazionali tese a tutelare la salute mentale, prevenire le malattie mentali e migliorare l’accesso alle cure. L’evento si svolge durante la Settimana europea della sensibilizzazione alla salute mentale e sarà trasmesso in diretta streaming. Maggiori informazioni, compresi il programma e i link per la registrazione, sono disponibili qui.

 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You missed

Lavoro minorile: dichiarazione congiunta dell’Alto rappresentante e della Commissione in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, la Commissione e l’Alto rappresentante hanno rilasciato la seguente dichiarazione: “Nel 2021 celebriamo l’Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile. Nonostante i progressi compiuti a livello mondiale nel corso degli anni, nel 2020 erano ancora 160 milioni i bambini coinvolti nel lavoro minorile e 79 milioni erano assoggettati a lavori pericolosi. L’Unione europea adotta un approccio di tolleranza zero nei confronti del lavoro minorile. L’UE lavora in tutto il mondo per eliminare il lavoro minorile e proteggere i bambini mediante la cooperazione allo sviluppo, il dialogo politico, i diritti umani e le politiche sociali, umanitarie e commerciali, con una serie di strumenti, iniziative e progetti quali ‘CLEAR Cotton’, la strategia dell’UE sui diritti dei minori e la nuova strategia di lotta contro la tratta di esseri umani 2021-2025. Nella lotta contro la pandemia di coronavirus dobbiamo intensificare gli sforzi per evitare che i diritti dei minori facciano un passo indietro. Dobbiamo garantire che i bambini siano al centro della ripresa globale post COVID-19. I bambini sono la chiave di un presente e di un futuro migliori, ed è imperativo consentire loro di esprimere appieno il loro potenziale.”