‘La ragazza trovata nella spazzatura’ diretto dal regista polacco Michal Krzywicki

Questo articolo è già stato letto 89 volte

Scritto da : Maria Concetta Cefalu’

La ragazza trovata nella spazzatura’, diretto dal regista polacco Michal Krzywicki, è uscito nelle sale il 23 marzo  u.s. .Prodotto da Wonder Woman Production, distribuito da P.F.A. Films e Cooperativa Cinema Mundi è vincitore dell’ultimo Fantafestival come Miglior Film.  Una storia fantascientifica, che racconta  la condizione di donne e uomini resi schiavi dal sistema, ma che nonostante tutto sono alla ricerca dell’amore e della serenità. Le scene si svolgono in una Polonia del 2028 ,  in una società immaginaria dove  chi commette reati gravi  viene punito con l’ Automazione: la testa dei malcapitati viene rasata e viene posto loro un collare fisso che somministra costantemente una sostanza narcotica, la Vaxina, che intorpidisce i sensi e cancella i ricordi. Gli esseri umani diventati e chiamati Automi, vengono addestrati a svolgere lavori manuali per la collettività o affittati a privati. Al fine di ribellarsi a questo sistema punitivo e sociopolitico un attivista  sociale Simon Hertz annuncia online che  il suo suicidio sarà trasmesso live sul suo canale streaming durante la notte di Capodanno 2028/2029, gesto  per protestare contro la disumanizzazione del regime . Ma il giorno prima del suicidio Simon Hertz trova  una ragazza-schiava nella spazzatura,  di nome Blue, considerata una pericolosa fuggitiva.  Blue non ricorda nulla del suo passato, e  dopo essere stata liberata dal suo collare, risulta essere una persona buona, dolce incapace di difendersi, come una bambina  innocente curiosa e desiderosa  di conoscere, di sapere, di vedere, di sentire la bellezza dell’umanità. Blue  ed Simon Hertz,  insieme, scopriranno una nuova vita.

Michał Krzywicki e Dagmara Brodziak – il duo creativo DEvisioners specializzato nella creazione di cinema di genere. Sono laureati alla Scuola di Cinema di Varsavia (Warsaw Film School) e hanno realizzato due film: “Diversion End”, un thriller neo-noir prodotto da Francia e USA (tra gli altri premi: Jantar Młodzi i Film 2017), e “2028: La ragazza trovata nella spazzatura”, un dramma di fantascienza (il miglior film di fantascienza al festival CINEQUEST negli Stati Uniti ed il miglior film di genere al Fantafestival Roma).

 

Dagmara Brodziak è un’attrice, sceneggiatrice e produttrice creativa. Si è laureata nel dipartimento di recitazione presso la Scuola di cinema di Varsavia (Warsaw Film School), dopo di che è andata negli Stati Uniti per continuare la sua formazione in masterclass tenute da Paul Haggis, Baz Luhrmann e Al Pacino, tra gli altri. Nel 2016, insieme a Michał Krzywicki, ha scritto e prodotto il suo primo lungometraggio in lingua inglese intitolato “Diversion End”, che ha vinto il Giurato giovane Ambra al Festival “Youth and Cinema”. Nel 2021, hanno creato un altro lungometraggio, un dramma di fantascienza chiamato “2028: La ragazza trovata nella spazzatura”, presentato al Festival del cinema di Gdynia, al Festival del cinema di Varsavia, al più grande festival di cinema indipendente britannico – Raindance a Londra, e a Camerimage. Il film ha vinto il premio principale al festival di cinema di genere Fantafestival di Roma. Dagmara e Michał stanno attualmente lavorando su un genere neo-western intitolato “Naked Coast” e sulla sceneggiatura per “Perché Dio non gioca con il tempo”.

Nato a Chełm nel 1989, Michał Krzywicki è attore, regista, sceneggiatore e produttore. Ha iniziato la sua formazione cinematografica nel 2011, quando ha ricevuto una borsa di studio presso la Scuola di cinema di Varsavia (Warsaw Film School), facoltà di recitazione.
Dopo aver completato gli studi, si è trasferito negli Stati Uniti, partecipando a workshop con registi del calibro di Baz Luhrmann e Paul Haggis. Ha poi maturato ulteriore esperienza a Londra, dove ha scritto la sceneggiatura del suo primo lungometraggio come regista, “Diversion End”. Il film, prodotto nel 2016 in coproduzione con lo studio parigino Rockzeline Wild e la società statunitense Unboiled, ha vinto, tra gli altri premi, il Jantar Young Jury al festival Młodzi i Film di Koszalin. Dopo la realizzazione di “Diversion End”, Michał ha acquisito esperienza lavorando alla sceneggiatura del serial premium “August One”, prodotto da Bryan Singer.  Nel 2021, il suo secondo film, “2028: La ragazza trovata nella spazzatura”, ha debuttato al Festival di Gdynia, per poi avere la sua prima internazionale al Warsaw Film Festival, e successivamente al Raindance di Londra. La prima americana del film si è tenuta a San Jose, al festival CINEQUEST. Il film ha vinto il premio principale al festival Fantafestival di Roma ed è stato presentato nella sezione Talent Demo Showcase del festival Camerimage.  Nel 2022, Michał è stato uno dei produttori del film “Camper”, attualmente in fase di post produzione.

Il nostro giornale ha intervistato il regista Michal Krzywicki e  Dagmara Brodziak sceneggiatrice e produttrice creativa.

Il suo film di genere drammatico e futuristico uscito il 23 marzo scorso racconta di una storia del futuro 2028, chi sono i protagonisti?

I protagonisti sono due persone completamente opposte. Il primo è Simon – un ragazzo che non riesce a distaccarsi dal suo passato traumatico, ha perso la fede nel mondo e nelle persone e non riesce a trovare gioia nella vita. Decide di protestare contro il mondo in cui vive commettendo pubblicamente il suicidio. Blue, invece, è una persona che, nonostante abbia un corpo adulto, è appena nata e non ricorda nulla della sua vita precedente. È piena di ingenuità e ha il desiderio di godersi il mondo appieno. “Scontrare” questi due personaggi così estremi è stata una grande spinta per la storia.

Il suo film di genere drammatico e futuristico uscito il 23 marzo scorso racconta di una storia del futuro 2028, chi sono i protagonisti?

L’idea per il film è venuta da Dagmara. La scintilla che ha dato il via è stato il video su YouTube che ha visto di un uomo daltonico che, nel giorno del suo sessantesimo compleanno, ha ricevuto degli occhiali speciali. Questi occhiali gli hanno permesso di vedere uno spettro più ampio di colori rispetto a quelli che era solito vedere, e lui ha iniziato a piangere dalla gioia. Dagmara ha iniziato a riflettere su quanto di belle cose nella vita diamo per scontato e su cosa succederebbe se le perdessimo e poi le riacquistassimo.
Per me il film parla delle divisioni tra le persone e di quanto sia facile abituarci ai cattivi cambiamenti nel mondo quando arrivano lentamente, passo dopo passo.

Nel film la protagonista Blue è un automa , nel 2028 come gli altri criminali vengono puniti non più con il carcere ma con la disumanizzazione . I condannati , infatti, sono rasati e drogati lentamente attraverso un collare indossato che rilascia una sostanza che cancella i loro sensi e la loro memoria irreversibilmente. Secondo lei la forza dell’amore puo’ cambiare la vita delle persone o non basta?

Penso che l’amore sia innato nell’essere umano. La mancanza di amore è una deviazione dalla norma. Siamo creature sociali, dobbiamo vivere insieme in pace, ma talvolta, quando c’è pace, non la apprezziamo. Ci sentiamo come se fosse sempre lì, non importa cosa accada. Dobbiamo però ricordare che prima di tutto dobbiamo amare noi stessi, perdonarci, permetterci di essere imperfetti, e poi saremo in grado di fare molto bene e diffondere molto amore.

Intervista a Dagmara Brodziak

Nel film la protagonista è blue, dolcissima figura , dagli occhi che parlano di innocenza e di purezza, pacifica ed indifesa, quanto le somiglia questo personaggio?

Penso che il personaggio di Blue rappresenti tutte le parti più vulnerabili e sensibili della mia personalità che amo così tanto. A volte nella vita di tutti i giorni è così difficile accedervi completamente. Indossiamo maschere, abbiamo paura di essere pienamente presenti e aperti al mondo e alle altre persone. Lavoro davvero su me stessa ogni singolo giorno per essere connessa a quelle caratteristiche di me stessa di cui è composto il personaggio di Blue. Essere abbastanza ingenua da amare e fidarsi delle persone, vedere il bene e la bellezza nel mondo circostante, mantenere il senso di meraviglia nella vita di tutti i giorni. Essere connessa ai miei bisogni primordiali e veri proprio come fa Blue. In questo senso il personaggio di Blue è il mio grande insegnante, proprio come lo è stato per Simone nel film. Concentrarsi sulle piccole cose della vita e ottenere il massimo piacere da esse è un modo così bello di vivere la vita.

Simon Hertz e Blue sono dentro un mondo disumano e privo di sentimenti, che non li avvolge, che non li travolge, loro sono il bene, l’umano, il sentimento, e sono cio’ per cui vale la pena di vivere , sono il coraggio, la ribellione alla violenza, sono la voce che grida nell’ingiustizia, sono il trionfo della libertà del sistema sociale arido e senza cuore, le chiedo quanti “Simon Hertz e Blue” esistono oggi nella nostra società?

Secondo me, ogni persona che fa la scelta consapevole di vedere e magnificare il bene e la bellezza nella propria vita è un eroe ai giorni nostri. Siamo tutti circondati e bombardati dalle brutte notizie e dalla comunicazione negativa per farci temere il mondo, temere il futuro e temere gli uni gli altri. Le persone spaventate sono così facili da manipolare per il sistema. Ecco perché è così importante proteggersi da questa negatività e DECIDERE di concentrarsi sul bene, concentrarsi sul nostro piccolo mondo per elevare energeticamente il grande mondo. Posso vedere molte persone come Szymon e Blue nel mio stesso cerchio di amici e familiari, il che mi motiva anche a continuare a seguire questo percorso. E ancora una volta è anche una DECISIONE con chi trascorriamo il nostro tempo, possiamo davvero scegliere chi ci circonda e in questo modo possiamo cambiare la nostra realtà personale.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *