Ambienti di lavoro sani e sicuri in Europa: l’EU-OSHA rivela le più recenti tendenze al vertice UE sulla sicurezza e la salute sul lavoro 2023

Questo articolo è già stato letto 36 volte

DiRedazione

Mag 17, 2023

Scritto da : Maria Concetta Cefalu’

L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EU-OSHA) ha presentato il 15 maggio la sua relazione sulla Sicurezza e salute sul lavoro in Europa: situazione e tendenze 2023 in occasione del vertice 2023 sulla sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) a Stoccolma. La relazione illustra l’analisi completa della situazione e degli sviluppi contestuali della SSL nell’Unione europea in questi ultimi anni, accompagnata da indicazioni sulle tendenze emergenti.

Nicolas Schmit, commissario europeo per il lavoro e i diritti sociali, ha accolto con favore la relazione ed ha dichiarato : «La salute e la sicurezza sul lavoro costituiscono una parte essenziale delle attività di qualsiasi organizzazione. I cambiamenti intervenuti nei luoghi di lavoro determinati dalla crisi COVID-19, dalle transizioni verde, digitale e demografica, nonché dai progressi scientifici e tecnologici, hanno condotto la Commissione ad adottare, nel giugno 2021, un nuovo quadro strategico dell’UE in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro 2021-2027. La relazione dell’EU-OSHA “Sicurezza e salute sul lavoro in Europa: situazione e tendenze 2023” fornisce un’analisi essenziale dei miglioramenti registrati nei luoghi di lavoro in tutta l’UE, ma anche degli ambiti in cui abbiamo ancora molto lavoro da fare».
L ’EU-OSHA auspica che questa pubblicazione abbia un impatto significativo sulle politiche e sugli approcci futuri alla salvaguardia della sicurezza e della salute dei lavoratori in Europa. I dati possono essere facilmente visualizzati e analizzati paese per paese utilizzando lo strumento di visualizzazione dei dati del barometro SSL.

«Ad esempio, tra il 1998 e il 2019 gli infortuni sul lavoro non mortali sono diminuiti del 58 % nell’UE, mentre quelli mortali sono scesi del 57 %. A queste riduzioni ha contribuito il miglioramento delle misure di prevenzione, oltre agli sviluppi economici e ai mutamenti della forza lavoro. Tuttavia, il calo si è verificato per la maggior parte prima del 2010 e le cifre sono rimaste stagnanti negli ultimi anni» riferisce il direttore esecutivo ad interim dell’EU-OSHA William Cockburn. La relazione offre inoltre una panoramica che comprende i potenziali miglioramenti, l’andamento stagnante e la natura ambigua degli sviluppi, le aree problematiche come le forme di lavoro atipiche, la non conformità alla normativa sulla SSL o l’inattività fisica, e infine le sfide future.

il direttore esecutivo ad interim dell’EU-OSHA William Cockburn ha riferito che «Ad esempio, tra il 1998 e il 2019 gli infortuni sul lavoro non mortali sono diminuiti del 58 % nell’UE, mentre quelli mortali sono scesi del 57 %. A queste riduzioni ha contribuito il miglioramento delle misure di prevenzione, oltre agli sviluppi economici e ai mutamenti della forza lavoro. Tuttavia, il calo si è verificato per la maggior parte prima del 2010 e le cifre sono rimaste stagnanti negli ultimi anni», pertanto, grazie alla relazione pubblicata, gli addetti ai lavori attraverso una panoramica che comprende i potenziali miglioramenti, l’andamento stagnante e la natura ambigua degli sviluppi, potranno studiare e comparare le aree problematiche come le forme di lavoro atipiche, la non conformità alla normativa sulla SSL o l’inattività fisica, e infine le sfide future.
Il vertice sulla sicurezza e la salute sul lavoro si è svolto nei giorni del 15 e il 16 maggio 2023 a Stoccolma, in Svezia. Questo evento, organizzato congiuntamente dalla Commissione europea e dalla presidenza svedese dell’UE, ha riunito le istituzioni dell’UE, gli Stati membri, le parti sociali e altre parti interessate. L’EU-OSHA si è impegnata con i partecipanti nelle discussioni sulle prime indicazioni tratti dal quadro strategico dell’UE, compresi i progressi compiuti nell’approccio «zero vittime» («vision zero») ai decessi correlati al lavoro. Altri argomenti sono stati la salute mentale nella vita lavorativa, il ruolo delle parti sociali, gli effetti delle ondate di calore e dei cambiamenti climatici nel campo della SSL e la valutazione delle strategie nazionali in materia di SSL.

Nel contesto del tema relativo all’impatto dei cambiamenti climatici e delle ondate di calore sulla SSL, l’EU-OSHA ha presentato anche una guida sulla SSL e sullo stress da calore che fornisce orientamenti pratici su come gestire i rischi associati al lavoro in presenza di temperature elevate e informazioni su cosa fare se un lavoratore inizia a soffrire di patologie o problemi di salute correlati al calore.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *