Sottile e Barraco vincono la V edizione del Premio Abbado

Questo articolo è già stato letto 36 volte

DiRedazione

Ott 20, 2023

Scritto da : Redazione

La pianista Carmen Sottile, allieva di Antonio Sottile, è la più votata dal pubblico del Premio Abbado, che ieri sera ha riempito numeroso la Sala Onu del Teatro Massimo, dove si è svolto il concerto dei finalisti del prestigioso riconoscimento. A Carmen Sottile, ma stavolta ex aequo con il violoncellista Christian Barraco allievo di Damiano Scarpa, anche il primo premio della giuria. Il secondo premio è andato ad un altro allievo del maestro Sottile, il giovanissimo pianista Andrea Randazzo (13 anni). Il terzo premio a Giovanni Pio Sunzeri (tromba), allievo di Nicola Genualdi. Il premio per la musica da camera è stato vinto dal Quartetto di sax, formazione preparata da Luigi Sollima, docente di Musica d’insieme per fiati, composto da Damiano Giuffrida (sax soprano), Andrea Longi (sax contralto), Giuseppe Cortina (sax tenore) e Daniele Crapa (sax baritono).

Il Premio Abbado è stato istituito dall’Associazione Amici del Teatro Massimo ed è destinato sotto forma di borse di studio ai migliori allievi del Conservatorio “A. Scarlatti” di Palermo. La particolarità del Premio è che, oltre alla giuria, anche il pubblico presente in sala ha avuto l’opportunità di votare e di scegliere il suo musicista preferito.

La giuria, presieduta da Anna Tedesco, docente di Storia della musica all’Università e presidente dell’Associazione Amici del Teatro Massimo, era formata dal mezzosoprano Marianna Pizzolato, dalla pianista Aurelia Spagnolo, dal compositore e direttore d’orchestra Francesco La Licata, dal violinista Enrico Orlando, dall’attuale direttore del Conservatorio Daniele Ficola e da Marco Betta sovrintendente del Teatro Massimo.

Giunto alla quinta edizione il Premio, intitolato al grande Claudio Abbado e promosso dagli Amici del Teatro Massimo, da quest’anno, si è avvalso dell’importante contributo della Fondazione Sicilia, oltre che del sostegno della Casa Tasca d’Almerita e della collaborazione della Fondazione Teatro Massimo.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *