“Crazy Raffaello”, l’omaggio di Dario Schelfi all’omonima galleria palermitana

Questo articolo è già stato letto 60 volte

Scritto da : Redazione

Dal 3 al 24 febbraio 2024 nella sede di via Emanuele Notarbartolo 9/E, saranno esposte
trenta opere inedite che raccontano l’evoluzione stilistica dell’artista protagoniste della personale curata da Massimiliano Reggiani

Il 2024 si apre, per il “Centro d’arte Raffaello”, con la personale pittorica di Dario Schelfi, in programma dal 3 al 24 febbraio.
Come suggerisce lo stesso titolo “Crazy Raffaello”, la mostra, a cura di Massimiliano Reggiani, è un omaggio alla galleria da parte dell’artista, in occasione del quinto anno di attività della sede di via Emanuele Notarbartolo 9/E a Palermo, ma non solo, costituisce anche un’occasione per celebrare il cammino intrapreso insieme da Dario Schelfi e dal “Centro d’arte Raffaello” che vede alla guida il direttore artistico Sabrina Di Gesaro, e alla sinergia instaurata nel corso degli ultimi anni.

Protagonista di uno degli incontri della fortunata rassegna “Aperitivo con l’artista” nel febbraio dello scorso anno, Dario Schelfi ha preso parte, sempre nel 2023, all’apprezzata collettiva dal titolo “Identità – Connessione singolare” e ha donato alcune sue opere all’Ospedale Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo dove, insieme a Roberto Fontana, altro nome contemporaneo della scuderia del “Centro d’arte Raffaello”, ha tenuto la bipersonale dal titolo “Qui nascono fiori”.
L’artista palermitano torna ora a esporre le sue creazioni più recenti: trenta opere inedite, esito finale di un’evoluzione stilistica in cui l’esplorazione incessante di suggestioni e la ricerca inesausta trovano espressione dinamica, fluida, libera da qualsiasi condizionamento.
Un’arte, la sua, che supera il relativismo culturale, ovvero l’universalità apparente generata dai singoli sistemi sociali, rincorrendo con successo l’unità del consorzio umano.
La sua cifra stilistica, il colore, si alleggerisce di una vocazione rappresentativa e tende a una elaborazione essenziale, che si esprime attraverso un processo di progressiva astrazione.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *