Pace : contro ogni guerra e genocidio – sabato 24 febbraio sit-in per il cessate il fuoco

Questo articolo è già stato letto 156 volte

DiRedazione

Feb 23, 2024

Scritto da: Redazione

Si svolgerà a Palermo, sabato 24 febbraio, ore 17.00 in piazza Vittorio Veneto, alla statua della libertà, un sit-in contro ogni guerra e genocidio, e per il cessate il fuoco.

Nel secondo anniversario dall’inizio del conflitto russo-ucraino, il “coordinamento per la Pace”, sigla che riunisce diverse associazioni palermitane, aderisce all’appello di mobilitazione nazionale lanciato dalla “Rete italiana pace e il disarmo” per sabato 24 febbraio.

Il presidio è previsto nello stesso luogo, piazza Vittorio Veneto, alla Statua, dove da oltre due anni le “donne per la pace” sono in presidio e si svolge a distanza di un anno dalla grande manifestazione per la pace di Palermo, un corteo che nel 2023 vide nella nostra città la partecipazione di oltre diecimila persone tra scolari, studenti, lavoratori e cittadini.
Quest’anno, alle motivazioni e alle preoccupazioni di una guerra, quella Ucraina, nel cuore dell’Europa, si aggiunge la preoccupazione per ciò che sta succedendo in Terra Santa, dove la violenza del terrore, sia di gruppi terroristici, sia di Stato, semina morte e distruzione sia in Israele, sia in tutta la Palestina, soprattutto nella Striscia di Gaza dove è in corso una vera e propria ecatombe.
Durante il presidio sono previsti momenti artistici/musicali del ” Cerchio di Suoni” guidato da Lucina Lanzara .

Le motivazioni dell’iniziativa
Le motivazioni dell’iniziativa sono formulate nel documento nazionale che trovetere al link :  https://retepacedisarmo.org/2024/fermiamo-la-criminale-follia-di-tutte-le-guerre-la-corsa-al-riarmo-la-distruzione-del-pianeta/  
 sito della Rete italiana Pace e disarmo (reti di oltre duecento associazioni) sono per il NO a tutte le guerre e il NO al riarmo e per chiedere alle istituzioni italiane ed europee di scegliere la via della pace, impegnandosi per:
La messa al bando delle armi nucleari,

la riduzione immediata delle spese militari a favore della spesa sociale, sanitaria, per la tutela ambientale del territorio e per una difesa civile e nonviolenta,
la riconversione dell’industria bellica, che sta traendo immensi profitti dalle guerre e dai conflitti armati,
l’immediato cessate il fuoco in Ucraina e nella Striscia di Gaza,
la liberazione degli ostaggi israeliani e dei prigionieri palestinesi, la fine dell’assedio e dell’isolamento di Gaza, il libero accesso agli aiuti umanitari e l’assistenza alla popolazione palestinese,
il riconoscimento dello Stato di Palestina, la fine dell’occupazione e della violenza in Cisgiordania.
La soluzione politica e non militare della guerra in Ucraina, per porre fine all’illegale occupazione russa e per costruire le condizioni di libertà, democrazia, convivenza e di sicurezza comune per l’Europa intera.
Il riconoscimento del diritto di asilo e la protezione a dissidenti, obiettori di coscienza, renitenti, disertori, profughi, difensori dei diritti umani, giornalisti, attivisti sociali e sindacalisti vittime della repressione politica in ogni contesto e nazione.
Il rafforzamento dell’azione umanitaria e di protezione dei diritti umani nei contesti di violenza strutturale (Afghanistan, Myanmar, Nagorno-Karabakh, Iran).
Lo stanziamento dello 0,7% del PIL a favore della cooperazione allo sviluppo.
La promozione di conferenze regionali di Pace sotto l’egida delle Nazioni Unite, per ricostruire convivenza e sicurezza nelle regioni martoriate da guerre in Medio Oriente e in Africa, che coinvolgono milioni di persone che vengono uccise, espulse dalle proprie case, impoverite, costrette alle migrazioni forzate.

Coordinamento per la Pace di Palermo 
I promotori:
Acli Palermo, Anpi Palermo, Arci Palermo, Aps Teatro dei ragazzi, Associazione Comunità dell’Arca di Lanza del Vasto, Associazione donne musulmane Fatima, Auser Palermo, Centro studi e documentazione Peppino Impastato, Centro studi Pio La Torre, Cgil Palermo, Centro Padre Nostro, Consulta per la pace del Comune di Palermo, Erripa Achille Grandi, Legambiente “Palermo futura”, Mir, Pax Christi, Presidio donne per la Pace, Sunia Palermo, Udu-Unione degli Universitari Palermo, Voci nel silenzio, Udi Palermo, Le Rose Bianche, coordinamento Donne Cgil Palermo, coordinamento donne Anpi Palermo, Emily, Donne caffè filosofico Bonetti, Fidapa sezione Palermo Felicissima, Il femminile è politico, #governo di Lei, Cif, Le Onde, Arcilesbica, Collettivo Medusa, Studenti Palermitani e Laboratorio di quartiere Malaspina, Mediter Italia, Movimento Focolari Palermo
Hanno aderito i movimenti politici:
Partito della Rifondazione Comunista – Fed. Di Palermo , Sinistra Italiana- Palermo.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *