Il Comune di Scicli è : “città delle donne”

Questo articolo è già stato letto 170 volte

Scritto da : Giovanna Pia Ferrara

Con delibera n. 205 del 21.11.2023 la giunta del comune di Scicli ha aderito al progetto degli Stati Generali delle donne “ Città delle donne”. Promotori della realizzazione del progetto il Sindaco di Scicli Mario Marino e l’Assessore alle Pari Opportunità Giovanni Falla , su proposta della Responsabile regionale degli stati generali delle donne della Sicilia la dott.ssa Maria Concetta Cefalu’.
Il Sindaco di Scicli Mario Marino ( nella foto)  ha dichiarato : “ L’adesione a questo progetto è quella che vuole ridisegnare le città con uno sguardo rivolto alle donne, ed è finalizzata ad implementare politiche inclusive, attraverso azioni concrete in molteplici campi, in primis quello sociale. Oltre a ciò, assumono altrettanta importanza anche gli atti simbolici come l’affissione agli ingressi di Scicli dei cartelli che riproducono il logo della “ Città delle Donne”.

 

 


L’Assessore Giovanni Falla che ha creduto fortemente in questo progetto  ha dichiarato : “ Il progetto città delle donne è un progetto da sviluppare in rete con le nostre Associazioni del Territorio, e che darà maggiore spazio alla rappresentazione di donne nei processi decisionali e nelle posizioni dirigenziali. Il progetto “città delle donne” nasce per dare maggiore rispetto della dignità e dell’integrità delle donne , ma anche per porre fine alla violenza basata sul genere . Come Assessore con Delega alle Pari Opportunità ringrazio Mario Marino Sindaco di Scicli , la Giunta ed il Consiglio Comunale per aver creduto e voluto questo progetto.
Ringrazio la Comandante della Polizia Municipale Maria Rosa Portelli e tutto il personale per la collaborazione e la logistica”.

Il progetto
Il progetto ” città delle donne”  degli stati generali delle donne , nel suo titolo ricorda l’opera allegorica ” La cité des dames ” scritta da Christine de Pizan tra il 1404 e il 1405 , dove l’autrice difende il sesso femminile attraverso le argomentazioni esposte da tre dame – Ragione, Giustizia e Virtù . Ricorda, ancora , per il suo titolo esclusivamente, un film del 1980 “ La città delle donne” diretto da Federico Fellini e che ai tempi della sua realizzazione, suscitò grandi polemiche sulla stampa e forti critiche da parte dei movimenti femministi. Il progetto “Città delle donne” voluto ed ideato da Isa Maggi la Presidente Nazionale degli Stati generali delle donne nasce a Matera Capitale della Cultura, nei giorni 24 e 25 gennaio del 2019, per creare una rete nazionale che unisca grandi città e piccoli paesi . I 23 punti contenuti nelle linee guida riassumono le azioni da intraprendere a favore delle donne, che potranno essere poste in essere dal Comune attraverso la progettualità che sarà avviata nell’arco di un triennio. Il Comune si impegna a collaborare con gli Stati Generali delle Donne per attivare azioni positive a favore della collettività e in particolare delle donne residenti nel Comune. Nel progetto è previsto che ogni Comune della Rete delle Città delle Donne dovrà installare, alle entrate del paese il cartello ufficiale comprendente la denominazione e l’emblema figurativo del marchio ” Città delle donne”.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *