Il NYCanta, il festival della Musica Italiana di New York riprende la collaborazione con la RANCO.

Questo articolo è già stato letto 68 volte

Scritto da : Maria Concetta Cefalu’

L’Associazione Culturale Italiana di New York, attraverso il chairman Comm. Tony Di Piazza, informa che la direzione artistica del NYCanta è stata affidata a due nomi di spicco nel panorama musicale italiano: Beppe Stanco e Cesare Rascel, esperti operatori del settore musicale italiano, che si erano già occupati delle selezioni per le edizioni XII, XIII e XIV.

Il prestigioso Festival della Musica Italiana di New York sarà trasmesso nel mondo da RAI ITALIA, in Italia da RAI 2 ed in seguito sarà disponibile anche su RAIPLAY.

L’associazione RANCO, di Beppe Stanco e Cesare Rascel, ha sottoscritto un accordo con l’Associazione Culturale Italiana di New York anche per continuare le operazioni di selezione, già avviate lo scorso marzo per l’individuazione dei 10 artisti che si esibiranno sul palco dell’Oceana Theater di New York il prossimo 13 Ottobre. La XVI ed. del NYCanta sarà presentata da PUPO.

L’ACINY ringrazia la precedente organizzazione, Glocal Media, per il lavoro svolto fino ad oggi, che seppur passando il testimone alla Ranco, continuerà a fornire un supporto tecnico alla kermesse.

Gli artisti interessati possono continuare ad inviare le proprie candidature attraverso il sito ufficiale www.nycanta.com, dove sono disponibili le informazioni dettagliate riguardo i requisiti e le modalità di partecipazione.

Come da regolamento i 10 finalisti che voleranno nella grande mela saranno selezionati da una giuria di esperti e tutte le spese per raggiungere la grande mela e soggiornarvi saranno a carico dell’organizzazione.

Non perdere l’occasione di diventare protagonista di questo grande evento che celebra la musica italiana nel cuore di New York, un’occasione unica per mettere in mostra il tuo talento musicale davanti ad un pubblico internazionale.
Per ulteriori informazioni:
Sito web: www.nycanta.com
Email: info@nycanta.com

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *