Riforma fiscale , Diritti del Contribuente e Tax Compliance – Intervista al V. Ministro dell’Economia e Finanze Prof.re Maurizio Leo

Questo articolo è già stato letto 101 volte

Nella foto : V. Ministro Maurizio Leo e il Prof.re Angelo Cuva
Foto di : Angelo Modesto
Servizio di : Maria Concetta Cefalu’
Montaggio di : Fabrizio D’Amico

Scritto da : Maria Concetta Cefalu’

Si è svolto a Palermo il 29 giugno u.s. presso la Camera di Commercio di Palermo e Enna il Convegno dal titolo : “I Diritti del Contribuente nella riforma fiscale”,  organizzato dalla Camera degli Avvocati Tributaristi di Palermo, dall’Ordine Avvocati di Palermo e dall’Ordine Dottori Commercialisti di Palermo.

CLICCA PER IL VIDEO

A dare i saluti : Brigida Alaimo, Assessore al Bilancio Comune di Palermo, Alessandro Albanese, Presidente Camera Commercio di Palermo e Enna, Francesco Greco, Presidente del CNF, Fabrizio Escheri, Consigliere del CNDCEC, Giulio Corsini, Componente Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria, Antonino Maggiore, Comandante Interregionale Italia Sud-Occidentale della Guardia di Finanza, Margherita Maria Calabrò, Direttore Regionale dell’ Agenzia delle Entrate, e Accursio Gallo, Segretario OCF.  Ad  introdurre  e moderare  i lavori  Angelo Cuva, Presidente Camera Avvocati Tributaristi di Palermo, V. Presidente Uncat, Docente Diritto Tributario UNIPA e Nicolò La Barbera, Presidente Ordine Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo, a seguire le  relazioni di: Antonio Perrone, Salvatore Regalbuto, Fabrizio Loiacono e Andrea Parlato. Le conclusioni sono state affidate al V. Ministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo il quale ha osservato: che  “la strada è ancora lunga ma direi che siamo a buon punto se pensiamo che la delega di riforma del fisco è stata approvata in via definitiva solamente lo scorso agosto. Abbiamo 24 mesi per emanare e approvare tutti i decreti attuativi e non escludiamo di poter completare il cammino della riforma con ampio anticipo rispetto a questa scadenza” aggiungendo che  “non è una promessa, piuttosto un auspicio derivante anche dal fatto che in Parlamento abbiamo creato un clima di collaborazione che ci ha consentito di lavorare in maniera serena e costruttiva con tutte le forze politiche, nel pieno rispetto delle differenze e dei valori altrui. L’Italia aspetta da oltre cinquant’anni una riforma organica del fisco”.
Nel corso del Convegno il Prof. Angelo Cuva ha evidenziato la particolare importanza della Tax Compliance per il contrasto all’evasione fiscale e ha formulato la proposta di estendere l’esperienza del  “Tavolo della Compliance” Regionale istituito già nel 2016 in Sicilia, su proposta dell’Uncat, dal Garante del Contribuente siciliano a tutte le Regioni, anche per mantenere il rapporto con il territorio da parte del nuovo Garante Nazionale previsto dalla recente riforma dello Statuto del Contribuente.
Il Tavolo della Compliance, coordinato dal Garante del Contribuente della Sicilia, ha la funzione di creare “momenti di confronto periodico tra i rappresentanti dell’Amministrazione finanziaria ( ivi compresi gli Enti locali) e gli Ordini e le Associazioni professionali che rappresentano i Contribuenti, aventi ad oggetto l’analisi e l’approfondimento congiunto delle norme e delle problematiche che generano maggiori difficoltà interpretative, al fine di prevenire il contenzioso e di assicurare una corretta applicazione delle disposizioni tributarie”. I Tavoli Regionali potrebbero essere Coordinati dal Garante Nazionale del Contribuente in raccordo operativo con le Direzioni Regionali dell’Agenzia delle Entrate.
Il Dr. La Barbera ha osservato che “consapevoli dell’ottimo lavoro di sinergia tra MEF e Commercialisti/Avvocati occorre ripristinare il rapporto Agenzia delle Entrate -professionisti – contribuente al livello ante covid a salvaguardia della fede pubblica e della massima efficienza nell’erogazione dei servizi. Necessitano maggiori risorse umane e momenti di interlocuzione efficienti tra agenzia entrate e professionisti” .

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *