Istruzione: la Commissione istituisce un gruppo di esperti per intensificare gli investimenti nell’istruzione in tempi di COVID-19

Questo articolo è già stato letto 90 volte

Diadmin

Mag 6, 2021

Scritto da: Redazione

Il gruppo di esperti sugli investimenti di qualità nell’istruzione e nella formazione, istituito dalla Commissaria Gabriel nel febbraio 2021, si è riunito oggi per la prima volta. I 15 esperti, selezionati tra quasi 200 candidati, individueranno politiche in grado di migliorare efficacemente i risultati dell’istruzione e della formazione, oltre all’inclusività e all’efficienza della spesa.

Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani, ha dichiarato: “La pandemia di COVID-19 ci ha dimostrato quanto siano critici gli insegnanti, le scuole e le università per la nostra società. Oggi abbiamo l’occasione di ripensare il settore dell’istruzione e della formazione dell’UE e di rimetterlo al centro delle nostre economie e società. Abbiamo pertanto bisogno di chiarezza e di dati solidi su come investire al meglio nell’istruzione. Sono fiduciosa che questo gruppo di esperti aiuterà la Commissione e gli Stati membri a costruire sistemi di istruzione e formazione più robusti, resilienti ed equi rispetto al passato.”

Il gruppo si concentrerà sulla qualità di insegnanti e formatori, infrastrutture educative e istruzione digitale. La valutazione basata su dati concreti aiuterà la Commissione e gli Stati membri a trovare soluzioni innovative e intelligenti alle attuali sfide nel settore dell’istruzione. Tali lavori sono fondamentali per conseguire una ripresa sostenibile e completare la transizione a un’Europa verde e digitale.

Il gruppo di esperti è stato istituito nella comunicazione sulla realizzazione dello spazio europeo dell’istruzione entro il 2025 con lo scopo di mantenere l’attenzione sugli investimenti nazionali e regionali e migliorarne l’efficacia. Una relazione intermedia sarà presentata alla fine del 2021 e una relazione finale alla fine del 2022. Ulteriori informazioni sono disponibili online.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You missed

Lavoro minorile: dichiarazione congiunta dell’Alto rappresentante e della Commissione in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, la Commissione e l’Alto rappresentante hanno rilasciato la seguente dichiarazione: “Nel 2021 celebriamo l’Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile. Nonostante i progressi compiuti a livello mondiale nel corso degli anni, nel 2020 erano ancora 160 milioni i bambini coinvolti nel lavoro minorile e 79 milioni erano assoggettati a lavori pericolosi. L’Unione europea adotta un approccio di tolleranza zero nei confronti del lavoro minorile. L’UE lavora in tutto il mondo per eliminare il lavoro minorile e proteggere i bambini mediante la cooperazione allo sviluppo, il dialogo politico, i diritti umani e le politiche sociali, umanitarie e commerciali, con una serie di strumenti, iniziative e progetti quali ‘CLEAR Cotton’, la strategia dell’UE sui diritti dei minori e la nuova strategia di lotta contro la tratta di esseri umani 2021-2025. Nella lotta contro la pandemia di coronavirus dobbiamo intensificare gli sforzi per evitare che i diritti dei minori facciano un passo indietro. Dobbiamo garantire che i bambini siano al centro della ripresa globale post COVID-19. I bambini sono la chiave di un presente e di un futuro migliori, ed è imperativo consentire loro di esprimere appieno il loro potenziale.”