Ad AGRIGENTO: SICINDUSTRIA FA DA PONTE TRA SCUOLA E IMPRESA

Questo articolo è già stato letto 51 volte

Scritto da: Giovanna Pia Ferrara

Un’intesa ad Agrigento tra Sicindustria e sei istituti scolastici per valorizzare i giovani talenti alle porte del diploma

Un ponte tra scuola e impresa per avvicinare sempre di più il mondo della formazione a quello della produzione, assicurando ai giovani l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro. È con questo obiettivo che Sicindustria Agrigento ha siglato un protocollo con sei istituti tecnici della provincia: l’IISS Don Michele Arena di Sciacca (dirigente scolastico Daniela Rita Rizzuto), l’ITET Leonardo Sciascia di Agrigento, (dirigente scolastico Milena Siracusa); l’IISS Fermi di Aragona (dirigente scolastico Elisa Casalicchio); l’IISS Archimede di Cammarata (dirigente scolastico Giuseppina Gugliotta); l’Ipsceoa Gallo di Agrigento (dirigente scolastico Girolama Casà); l’IIS Fermi di Licata (dirigente scolastico Amelia Porrello); l’IISS Fermi rappresentato dal docente Antonio Scaduto. A rappresentare Sicindustria Agrigento, il presidente provinciale della Piccola industria, Giuseppe Patti; il presidente dei Giovani imprenditori di Sicindustria, Gero La Rocca; il coordinatore provinciale di Sicindustria, Giacomo Minio. Presenti anche il direttore delle risorse umane di Italcementi HeidelbergCement Group, Giuseppe Agate, e il direttore della Vetem–Ceva, Roberto Minio.

Il tema della carenza di risorse umane qualificate e l’esigenza di professionalità da inserire nel tessuto produttivo agrigentino – commentano gli imprenditori – sono i capisaldi di un programma che vede la nostra associazione in prima linea. Questa collaborazione rappresenta un ulteriore passo in avanti per valorizzare i giovani talenti alle porte del diploma”. I settori di particolare interesse sono quelli della meccanica, della meccatronica, dell’informatica, dell’elettronico, dell’agroalimentare e del turismo.

Il valore del progetto – aggiungono gli imprenditori – risiede nella capacità di non disperdere energie, accorciando la filiera tra domanda e offerta di lavoro, con reciproche opportunità. L’obiettivo deve essere quello di bloccare l’emorragia dei nostri giovani professionalizzati che continuano ad andare via per mancanza di opportunità e, al tempo stesso, garantire le risorse umane adeguate alle nostre imprese”. Per il prossimo giugno si prevede il primo career day di Sicindustria Agrigento.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *